Mini-presentazione

Blog senza nessuna periodicità, in cui appaiono pubblicazioni random, la maggior parte delle volte ripropongo ciò che già c'è in rete ma che non è stata data importanza. Anche diari di viaggi, musica e video e cose cattive.

Cerca nel blog

mercoledì 20 giugno 2012

La repressione degli anarchici in Bielorussia

da: velena.noblogs.org

Gli anarchici che praticano l’azione diretta e insurrezionale contro i poteri dello stato, della chiesa e del capitale vengono perseguitati in tutto il mondo, dal Cile alla Grecia, dalla Russia all’Italia. Poco però si conosce di un nutrito gruppo di compagni bielorussi che, negli ultimi anni, con le loro pratiche di attacco e sabotaggio hanno impensierito non poco il regime di Lukašenko il quale si è scomodato addirittura a riferire sulla TV di Stato insieme ad una pletora di piccoli Stalin burocrati del sistema.La Bielorussia è l’unico dei paesi dell’ex blocco sovietico rimasto ancorato al regime di un tempo che fu. Tutti i vecchi simboli sono rimasti al loro posto, le libertà di pensiero e parola sono ridotte all’osso, le carceri esplodono di prigionieri politici e in più le riforme (caute) di mercato hanno inserito a pieno regime le grandi multinazionali all’interno del paese. Insomma un bel mix di comunismo, autoritarismo e capitalismo. Alcuni gruppi radicali e anarchici, hanno deciso di attaccare senza passare dalla parte delle opposizioni “istituzionali”, nazionaliste e, in parte, guidate da interessi occidentali.Attaccano in piccoli gruppi i simboli del potere dello Stato e del capitale. Dalle banche, alle ambasciate, ai comandi di polizia, alle caserme del KGB (sì, si chiama ancora così in Bielorussia).Finalmente sono disponibili in rete i filmati con le azioni e le storie di questi compagni coraggiosi che si battono fieri contro una dittatura e senza paura di finire in una di quelle tremende carceri staliniane come, purtroppo, per molti di loro è stato ed è ancora.Un abbraccio complice a tutte le compagne e i compagni bielorussi in carcere e non. Fino alla totale distruzione del sistema.

Maxim Vetkin, Mikalai Dziadok, Ihar Alinevich, Alaiksandr Frantskevich liberi!

Tutt@ liber@! Per l’Anarchia

Velen(A)

Su questo link (la fonte) si trova un articolo di feartosleep che mette a disposizione due documentari sulla repressione effettuata dallo Stato bielorusso ai danni degli attivisti anarchici.

Nessun commento:

Élisée Reclus

Élisée Reclus
« Non è una digressione menzionare gli orrori della guerra in connessione con il massacro delle bestie ed i banchetti di carne. La dieta degli individui è in stretta relazione con il loro modo di agire. Sangue chiama sangue. »

A caccia di cibo

A caccia di cibo
L'uomo moderno come si procura il cibo?

Lettori fissi (o quasi)

Visualizzazioni totali

Visitatori (Dal 29/Giugno/2010)

free counters

Video (non scelti da me)

Loading...
Si è verificato un errore nel gadget