Mini-presentazione

Blog senza nessuna periodicità, in cui appaiono pubblicazioni random, la maggior parte delle volte ripropongo ciò che già c'è in rete ma che non è stata data importanza. Anche diari di viaggi, musica e video e cose cattive.

Cerca nel blog

venerdì 30 marzo 2012

L'eccidio di Piazza Grande


Il 5 aprile del 1920 a San Matteo di Decima di Persiceto, nel bolognese, nel corso di un comizio promosso dalla Camera del lavoro anarchica per discutere la proposta di un nuovo patto colonico, i carabinieri presenti, dopo aver tentato di interrompere la manifestazione, aprono il fuoco uccidendo l' oratore Sigismondo Campagnoli e altri sette lavoratori.
Le proteste per l'eccidio di Decima sono diffuse. 
A Modena le Camere del lavoro proclamano uno sciopero generale per il 7 aprile.
La mattina alle 11 si svolge una manifestazione in largo Garibaldi. 
Poi i lavoratori vengono riconvocati per un' altro comizio nel pomeriggio, da tenersi nel piazzale davanti alla Camera del lavoro unitaria. 
La forte partecipazione di lavoratori (il Domani parla di 15.000 persone) convince i dirigenti camerali a spostare la manifestazione in Piazza Grande. 
Mentre i lavoratori attendono che inizi la manifestazione, i dirigenti camerali si recano in Municipio per chiedere l'autorizzazione a parlare dal balcone.
Nel frattempo i carabinieri presenti nella piazza cercano di sequestrare la bandiera della Lega proletaria, che reca la scritta "giù le armi" poi, improvvisamente e senza alcuna ragione, aprono il fuoco sui manifestanti.
Rimangono uccisi:
- Evaristo Rastelli, un venditore ambulante, 
- Antonio Amici, 
- Linda Levoni, 
l' agricoltore 
- Ferdinando Gatti e 
- Stella Zanetti.

Altri 15 lavoratori sono feriti in modo grave e devono essere ricoverati in ospedale. 
A seguito dell' eccidio le Camere del lavoro proseguono nello sciopero generale, che si conclude dopo quattro giorni, in occasione del funerale delle vittime; ma la conseguenza più diretta è la decisione degli anarchici modenesi, di concerto con la federazione giovanile socialista, di armarsi per difendere le manifestazioni operaie.
Per tale ragione organizzano, nella notte tra il 15 e il 16 maggio, il furto di alcune mitragliatrici da una caserma di Modena.
Le indagini consentono l' individuazione dei responsabili, e vengono arrestati 28 dirigenti della Camera del lavoro sindacalista, della Federazione comunista anarchica e della Federazione giovanile socialista, parte dei quali sono poi condannati a pene detentive tra i due e i quattro anni. 
Forniamo l'elenco degli arrestati che facevano parte della CdLS e le loro generalità (Gazzetta dell'Emilia 30/31 maggio 1920):
- Masserotti Vittorio, 39 anni Muratore uno dei più autorevoli e dei propagandisti più noti della CdLS;
- Nencini Carlo, 39 anni propagandista abitante in via S.Agata 14;
- Segretario della CdLS Chiossi Vincenzo, 27 anni Meccanico;
- Vincenzi Zelindo, 27 anni barbiere;
- Torricelli Ettore, 35 anni, Muratore abitante in via S.Agata 14; 
- Bellelli Umberto, 19 anni ferroviere; 
- Bonacini Ugo, 27 anni abitante in via S.Agata 6;
- Cremonini Bernardo, 21 anni impiegato di S.Agata Bolognese; 
- Monzani Otello, 28 anni muratore abitante in via S.Agata 8;
- Terreni Arturo, 18 anni muratore; 
- Ghinelli Agostino, 28 anni fattorino; 
- Siti Ettore, 26 anni marmista; 
- Baroni Bruno, 19 anni falegname; 
- Malpighi Arturo, 38 anni contadino; 
- Bergamini Giovanni, 21 anni impiegato; 
- Bosi Antonio, 40 anni falegname; 
- Malverti Gino, 32 anni falegname; 
- Malverti Luigi, 35 anni bracciante; 
- Marotti Ettore, 36 anni meccanico; 
- Righi Luigi, 38 anni bracciante;  



giovedì 8 marzo 2012

Russia: arresti di anarchici e altri manifestanti nella protesta antielettorale


Fonte: es.contrainfo.espiv.net/
Video dell'evento

Secondo i rapporti del sito di contrainformazione avtonom.org, circa 25 anarchici sono stati arrestati il 5 marzo, nel corso di una manifestazione anti-elettorale in Piazza Pushkin a Mosca.
Altri tre giovani sono stati arrestati all'inizio della marcia, perché erano mascherati.
Nella città di San Pietroburgo, nell'ambito delle proteste contro la rielezione di Putin, uno degli slogan dei manifestanti era: "La nostra soluzione è l'auto-governo".
Durante la protesta sono state sganciate alcune bottiglie molotov e la polizia ha attaccato le persone, arrestando i primi 5 manifestanti che erano più vicini alle forze repressive.
Lo stesso giorno nei tribunali di Mosca, il procuratore ha ordinato la detenzione per due membri della punk band femminista "Riot Pussy", a causa di un'azione della band nella Cattedrale di Cristo Salvatore, il 21 febbraio.
Come riportato dal loro avvocato, Nicola Polosov, le femministe rimarranno in carcere fino al 24 aprile.

Solidarietà con le compagne ed i compagni in Russia!






Resoconto di un incontro tra sinistra popolare e KKE

Riporto resoconto di un compagno su di un incontro con militante greco rappresentante del KKE.

In data 7/03/2012 a Latina si è svolto l' incontro della sinistra popolare col KKE, che ha mandato un suo esponente, accompagnato da Rizzo, a tenere un incontro su "come fronteggiare la crisi del capitalismo dalla Grecia all' Italia".
Rizzo si è subito congratulato per la presenza di giovani nella sala, scoprendo amaramente poi che TUTTI i giovani nella sala (16,17,18 e 23 anni) erano anarchici e stavano la per contestare lui e il suo amichetto Greco. Appena scorti i simboli dietro il giubotto di uno dei ragazzi (A cerchiate e bandiere nere) Rizzo ha iniziato a farneticare cose cme "Gli anarchici non hanno mai fatto una rivoluzione, l' anarchia non ha mai messo i bastoni tra le ruote del capitalismo" ed ha continuato sbeffeggiando gli squatters ed elogiando l' unione sovietica che a suo dire c'è riuscita a costituire un problema al capitale (Mah...) Finito il delirio il giovane si è alzato ed ha iniziato a rivolgere domande scomode al' esponente del KKE chiedendogli come mai la decisione di caricare i ribelli fuori dal parlamento in una calda giornata di rivolta ateniese, oltre che ad aver collaborato con la celere in diverse occasioni, il greco ha ovviamente negato tutto chiedendo prove, si è parlato di video dove esplicitamente si vedono scene del genere, ma non c'è stato nulla da fare. La discussione è finita qui, con l' appoggio di qualcuno nella sala e la risata ironica di qualcun altro, che forse non aveva armi migliori di fronte all'azzeramento totale.

Di seguito una serie di articoli sul KKE - PAME:


Gli scontri tra anarchici e comunisti ad Atene (altre immagini e video)
Sinistra critica: compagni di merende staliniste?
Gli Stalinisti Greci gradiscono la partecipazione dei Fascisti nelle lotte dei lavoratori

Élisée Reclus

Élisée Reclus
« Non è una digressione menzionare gli orrori della guerra in connessione con il massacro delle bestie ed i banchetti di carne. La dieta degli individui è in stretta relazione con il loro modo di agire. Sangue chiama sangue. »

A caccia di cibo

A caccia di cibo
L'uomo moderno come si procura il cibo?

Lettori fissi (o quasi)

Visualizzazioni totali

Visitatori (Dal 29/Giugno/2010)

free counters

Video (non scelti da me)

Loading...
Si è verificato un errore nel gadget